#TwitPizzaRomana: una pizzatwit con un NON-lieto fine (almeno per me)

1 minute read

Ieri, 20 ottobre 2010, a Roma si è svolta la #TwitPizzaRomana. Come non andare a trovare i twitteri romani, dopo aver fatto la pazzia di andare a trovare gli amici milanesi? Cosi io (con tanto di badge), @jibbolo, @solomiri e @pabloberbell siamo partiti alla volta della capitale.

La serata è stata piacevole, molto. Ho conosciuto persone in gamba, stimolanti, intelligenti, simpatiche. Il locale era altrettanto buono. Durante la serata ho avuto occasione di conoscere meglio alcuni “personaggi” che seguivo o che già ne avevo sentito parlare: @fedemenni, @jarjar55, @Jovanz74, @marcomenu, @guidoxx, @federina, @la__splendida, @boemo83, @elmook. Con noi c’era anche @tomjoad70, che già conoscevo per la #pizzatwit di #milano. Un saludo a los españoles @parigi_sett (venezuelana) y @osmin_LE (cubano): con ellos hablé un poquito de español :) Abbiamo parlato di tutto: tecnologia, marketing, programmazione, viaggi, esperienze all’estero, twitteri (account fake), lavoro, passioni, hobby, etc, etc, etc
Mi dispiace di non aver approfondito con alcuni di loro: @CamiLLa_NiCoLe, @alebrandcare, @bongfactory, @mos_li, @sognoimmortale, @marianoeder. Spero che avremmo modo in futuro di conoscerci meglio!

La lista di tutti i partecipanti a questa #twitpizzaromana la puoi trovare qui, sul profilo di @marcomenu.

Terminata la cena, la consueta foto di gruppo.

Dopo la foto di gruppo, il NON-lieto fine. Ritornati all’auto (parcheggiata 200 metri dal locale), troviamo la portiera forzata ed il mio marsupio sui sedili anteriori (che avevo messo nel bagagliaio). Beh il bilancio del furto e il seguente:

  • portiera dell’auto (di @jibbolo): forzata
  • nokia E71: rubato
  • auricolari iPhone: rubati
  • cavetto USB dell’iPhone: rubato
  • giaccha a vento: rubata
  • borsettina dei trucchi (di @solomiri): rubata
  • spicci nell’auto: rubati

Il valore totale e intorno ai 250€. Il problema non è per gli oggetti o per il valore, ma per il gesto che non riesco a mandare giù. Non vorrei dilungarmi troppo, altrimenti cadrei in uno sfogo no-sense. Un mio amico mi ha detto: “io al tuo posto me ne fregherei meglio 100 euro in meno che una vita di merda”. Ha ragione, Marco.

Concludo dicendo che, nonostante questa disavventura, è stata una serata piacevole.

Grazie a tutti i partecipanti, e per la “solidarietà” dimostrata.

PS: lezione imparata: se possibile evitare di usare la macchina a Roma :)
PPS: se mi sono scordato di menzionare qualcuno, fatemelo notare!

Leave a Comment