Ma è meglio della TV (specialmente in Italia)

3 minute read

La mia TV e lì, sul mobile. Spenta. E lo è per molte ore al giorno. Una volta guardavo i telegiornali.. ora guardo solo i cartoni animati la mattina (chi è che non li guarda?!?).

Perché accanirsi contro la TV? Contro la TV non ho niente da dire: è un ottimo soprammobile, è un oggetto tecnologico, ci puoi attaccare il computer e console per giocarci, ci puoi vedere DVD. Il problema della TV, parte dall’antenna in poi. La TV è uno strumento passivo.

É per questo che non guardo la TV. Ci sono tantissime cose da fare in quel momento. Per scrivere questo post prendo spunto dal blog di Seth Godin, con cui mi trovo perfettamente in linea con quello che dice. Qui di seguito un sunto.

Lui dice che la TV era una ottima scelta quando:

  1. non c’era niente altro da fare
  2. quando tutti guardavano la stessa cosa, lo dovevi fare anche tu per essere educato

Comunque, in quei momenti si possono fare tante altre cose, che ti ripagano molto di più che guardare la TV. Eccone alcune (quelle con la (X) l’ho fatte/le sto facendo):

  • apri un piccolo negozio su eBay
  • scrivi su un blog (X)
  • scrivi un libro
  • avvia una community online della tua passione favorita
  • vai ai meetup nella tua città (X)
  • fai volontariato: aiuta un bambino, persone oppure online (X)
  • impara una nuova lingua o qualche cosa di nuovo (X)
  • ogni sera scrivi a mano una nota per ringraziare le persone che ti hanno aiutato o fatto un buon lavoro
  • produci dei cortometraggi e mettili online (youtube, vimeo, etc)
  • ascolta le mille opere più importanti (X)
  • leggi un libro o due ogni sera (X)
  • gioca a scarabeo con la tua famiglia

In più posso aggiungere:

  • divertiti in quello che fai
  • dedica il tempo alle persone a te care
  • non dimenticarti degli amici
  • disegna
  • suona
  • gioca con il computer (non deve diventare una droga)

Nessuna delle precedenti è perfetta. Ma e sempre meglio di guardare la TV.

Clay Shirky ha notato che il comportamento delle persone con talento occupano cinque o sei ore per sera a lavorare invece che perdere tempo. Questo, moltiplicato per uno o dieci milioni, ha un effetto straordinario. Lui lo chiama surplus cognitivo ed e una delle storie più sottovalutate che possono cambiare il mondo di oggi.

Fino a qui ho fatto una traduzione abbastanza letterale di quello che Seth Godin ha scritto. Ora vorrei fare un riflessione sulla TV, in Italia.

Sulla TV italiana ci sono poche reti, tutte quante controllate (non voglio farne un discorso politico). Essendo tali, su tutte le reti passa sempre la stessa notizia (controllata) con varie sfumature. Ogni tanto c’è qualche programma nei palinsesti che fa scalpore, che sembra diversa, che è diversa. Ma anche questa è controllata e tenuta a bada.

Facendo così la qualita della TV italiana è molto bassa, se non scadente. Pero tutti la guardano e tutti dicono quella che la TV dice. Tutti dicono quello che i “controllori” della TV vogliono far dire. E se lo dici, lo pensi pure.

Un’altra pecca della TV italiana è.. (rullo di tamburi) l’Italiano. Per carità, è una bella lingua, antica, romantica, con un suono ed una musicalità unica. Il problema è che la nostra TV è monolingua. Non abbiamo dei canali in inglese. Non vediamo telegiornali esteri. Non abbiamo un accesso abbastanza semplice ad essi. Si è vero c’è internet, ma non è una via “semplice” per accedere alle informazioni.

Anche il cinema ne è complice. In Italia abbiamo i migliori doppiatori ed e anche grazie a loro che l’Italiano medio non sa l’inglese.

Ultimamente solo con la TV satellitare si hanno più possibilità di avere accesso ad informazioni “globali”. Ma sono sicuro che lo fanno solo le persone che sono “già sveglie” e che già “hanno gli stimoli adatti”.

Purtroppo (meglio per fortuna) con l’inglese abbiamo un accesso alla conoscenza globale senza precedenti. E mi dispiace che gran parte degli Italiani non ha accesso a questa mole di informazione. Mi dispiace che gran parte dei ragazzi di oggi non conoscono l’inglese, poiché l’istruzione fa schifo.

Sono partito dalla TV per analizzare vari aspetti del Belpaese che non vanno. Non ho voluto fare distinzioni politiche, nomi o altro. Non era mia intenzione. Sono stato però molto critico con un tono pessimista. Vorrei sapere tu cosa ne pensi e se soprattuto la pensi diversamente da me.

Leave a Comment